“Diario di volo”, il libro di Paolo Gallo sulla transizione ecologica e digitale

Nel volume “Diario di volo”, Paolo Gallo racconta come la rivoluzione digitale coinvolga processi, persone, mentalità e non si limiti a trasformare gli asset di un’azienda.

Paolo Gallo

Paolo Gallo: digitalizzazione in “continuo divenire” per la cultura aziendale

È stato presentato a Milano, nella cornice del Microsoft House, il libro di Paolo Gallo “Diario di volo. Come guidare la trasformazione digitale tra innovazione e sostenibilità” (Ed. Luiss University Press). Un volume che focalizza la grande questione della trasformazione digitale in un’ottica di cambiamento nell’approccio manageriale e organizzativo, contribuendo, altresì, al percorso di transizione ecologica dei nostri giorni.

“La trasformazione digitale ha come impatto un cambiamento importante nel modo di lavorare delle persone all’interno dell’azienda”, ha illustrato l’AD durante l’evento, definendo tale processo come “qualcosa in continuo divenire e non ‘semplicemente’ la trasformazione degli asset da tradizionali a digitali”.

Al contrario, il cambiamento coinvolge processi e persone, veri protagonisti nell’evoluzione della cultura aziendale. In tal senso, per Paolo Gallo “chi non abbraccia la trasformazione digitale in senso ampio, certamente alla fine del suo percorso avrà digitalizzato, magari avrà lanciato delle app e fatto qualcosa di attraente ma alla fine resterà in superficie e non avrà cambiato il modo di lavorare dell’azienda”.

Paolo Gallo: la connessione tra digitale, sostenibilità e aspetti burocratici

Nelle pagine di “Diario di volo” Paolo Gallo descrive inoltre un’importante correlazione tra la trasformazione digitale e il raggiungimento degli obiettivi climatici. Tale sfida necessita di una vera e propria rivoluzione all’interno delle aziende, coinvolgendo aree quali l’innovazione e lo sviluppo tecnologico, la sostenibilità, la leadership e la formazione.

Come emerso durante la presentazione, in ciò il PNRR può fornire un impulso notevole per agevolare il percorso: “Il PNRR aiuterà il Paese a rinnovarsi”, sottolinea l’AD di Italgas, aggiungendo che “se la pubblica amministrazione avviasse un percorso di trasformazione digitale per semplificare i processi e offrire servizi migliori potrebbe sbloccare un’economia bloccata, con un riflesso incredibile sul Paese”. La trasformazione, infatti, può portare benefici anche dal punto di vista burocratico: “Italgas ha 2.000 cantieri aperti in Italia, se pensiamo che per ottenere un’autorizzazione per un lavoro che dura 2-3 mesi ce ne mettiamo 18 abbiamo un’idea di quanto sia bloccata la situazione”, ha commentato Paolo Gallo in conclusione.