Paolo Gallo: “Biometano e gas rinnovabili la chiave per garantire un approvvigionamento sicuro”

L’AD di Italgas Paolo Gallo ha recentemente preso parte agli incontri preparatori dell’Hydrogen & Gas Decarbonisation package: “Commissione Ue condivide nostra visione su biometano e gas rinnovabili”.

Paolo Gallo

Paolo Gallo: gas rinnovabili strumento per contrastare caro energia

Nel processo di decarbonizzazione europea gas rinnovabili e biometano rappresentano una risorsa indispensabile. E non solo: la loro funzione è da considerarsi strategica soprattutto in un contesto di prezzi dell’energia sempre più volatili.

A dirlo è Paolo Gallo, Amministratore Delegato di Italgas. Lo scorso 8 novembre, nella veste di Presidente dell’Associazione europea dei distributori del gas (Gd4s), il manager ha presenziato agli incontri in vista del prossimo “Hydrogen & Gas Decarbonisation package” promossi dall’Unione Europea.

“Il biometano e i gas rinnovabili – ha dichiarato l’AD di Italgas a latere degli incontri – hanno un potenziale molto rilevante, non solo in chiave di decarbonizzazione dei consumi, ma anche per garantire una maggiore sicurezza degli approvvigionamenti”. Una visione, spiega Paolo Gallo, condivisa anche dalla Commissione europea, consapevole che per dispiegare appieno le potenzialità dell’idrogeno verde occorrerà attendere almeno fino al 2030.

Paolo Gallo: nel prossimo Gas Package chiediamo riduzione costi di connessione

Nel suo intervento, il Presidente della Gd4s si sofferma sul ruolo del biometano: “È già una fonte matura – ricorda Paolo Galloe può coprire fino al 10% del fabbisogno europeo di gas. Oggi in Europa sono molti gli impianti di produzione collegati direttamente alla rete di distribuzione esistente e anche noi di Italgas stiamo gestendo numerose richieste di collegamento diretto”.

Per sfruttare completamente non solo il biometano ma tutti gli altri gas rinnovabili e dare un deciso impulso alla transizione energetica è necessario tuttavia continuare ad adeguare le infrastrutture esistenti. Digitalizzazione e flessibilità le parole chiave, secondo il manager: “Per questo nel prossimo Gas Package – conclude Paolo Gallosuggeriamo alla Commissione di prevedere interventi volti a ridurre i costi di connessione alle reti degli impianti di produzione di gas rinnovabili, meccanismi di reverse flow verso la rete di trasporto e di promuovere la digitalizzazione delle infrastrutture”.