Bandiere : alla scoperta del mondo che vi gira intorno, storia, simbolismo, business.

Bandiere : alla scoperta del mondo che vi gira intorno, storia, simbolismo,  business.

Le bandiere sono, per la maggioranza di noi, oggetti la cui esistenza  si tende a dare per scontata, come fosse uno spazzolino da denti o una penna per scrivere.

Eppure dietro le bandiere vi è una storia molto intensa, a tratti drammatica, altre volte simbolo di un’epoca più spensierata.

In tempo di pace (per lo meno in Occidente) gli stendardi svolazzanti rappresentano una nota di colore , sempre meno però si tende ad attribuirgli una simbologia di appartenenza e per la quale in passato si dava anche la vita.

Un po’ di storia sulla simbologia delle bandiere.

Tutti noi riconosciamo l’oggetto di stoffa : una bandiera acquisisce il più delle volte la forma di un rettangolo che simboleggia un’ appartenenza, di gruppo o di nazionalità, talvolta utilizzato invece per scopi pubblicitari, altre volte per feste ed eventi.

La storia dell’oggetto è antica quanto l’avvento delle crociate, che furono le prime manifestazioni di appartenenza culturale e in qualche modo nazionalistica in cui comparvero le prime bandiere in tutto simili a quelle odierne : i crociati vi dipinsero croci che a seconda del colore ne identificavano la provenienza.

Mentre fra le più antiche bandiere nazionali,  troviamo quella della regione spagnola della Catalogna, seguita poi nel corso degli anni dalle bandiere con la croce scandinava, che oggi ne caratterizzano i Paesi di questa area geografica.

L’Italia ebbe, come spesso accade nella storia, un’influenza predominante nell’affermazione delle bandiere : dalla bandiera di Sicilia del 1282, fino alla bandiera del Friuli issata nel 1350.

Fu la rivoluzione francese però a farne un simbolo nazionale forte, unitario e popolare, a cui poi molte si sono ispirate nel corso dei secoli.

Vi sono bandiere che in realtà potremmo identificare meglio come stendardi,  riconducibili a singoli enti ministeriali o istituzioni come la presidenza delle repubblica.

L’importanza delle bandiere nel mondo dello sport.

Oggi potrebbe sembrare agli occhi di molti un oggetto passato di moda in quanto, come dicevamo prima,  in tempi di pace ha acquisito minor importanza simbolica rispetto a passati sanguinosi in cui l’appartenenza ad un territorio e a degli ideali necessitava ancora di un simbolo forte e unificante.

Eppure anche nel nostro tempo vi sono ambiti in cui certi simboli di appartenenza sono oggetti distintivi che caratterizzano preferenze “di  fede”.

Quale ambito migliore del mondo dello sport per illustrare questo mutamento rispetto al passato ?

Dopo secoli di storia umana si è passati dalle armi e la violenza,  alla supremazia di fisicità e volontà unite e accompagnate dallo spirito agonistico.

E’ nata come simbolo di parte per una nazione di cui si è orgogliosamente patrioti,  ad una bandiera per difendere i colori della propria squadra e del relativo gruppo di appartenenti e tifosi.

Ma non possiamo certo dimenticare l’importanza che le bandiere hanno assunto negli anni per le lotte politiche e sociali : dalla bandiera rossa comunista, fino alle bandiere dei sindacati, passando per la bandiera “rainbow” simbolo del pacifismo ma anche delle lotte per l’integrazione e l’orgoglio omosessuale.

La produzione di  bandiere e stendardi fa del poliestere il materiale fra i più utilizzati, per motivi di rapporto qualità/prezzo/resa del materiale, e per necessarie caratteristiche di leggerezza che ne consentano un facile dibattersi al vento.

La vendita di bandiere è solo l’atto finale di un business che racchiude ancora tante artigianalità storiche e consolidate di molte piccole imprese presenti in diverse città del nostro Paese.