Migliorare le competenze di un’azienda aiuta tutta la sua filiera

Alessandro Benetton su Linkedin: “L’inclusività delle competenze è fondamentale per creare un futuro lavorativo sostenibile ed equo”

Il fondatore di 21 Invest Alessandro Benetton

Le competenze possono essere inclusive? La vision di Alessandro Benetton

Come imprenditore, spiega Alessandro Benetton su LinkedIn, “ho visto con chiarezza come l’inclusività delle competenze sia diventata un fattore determinante per il successo delle aziende”. Il Presidente di 21 Invest si sofferma in un nuovo post su “un tema cruciale per le persone e la comunità”: l’inclusività delle competenze.

Per intuirne il valore, basterebbe guardare alla società di oggi e alla rapida evoluzione che la caratterizza: a svolgere un ruolo determinante è lo sviluppo di tecnologie sempre più all’avanguardia che impattano sul lavoro. “Sentiamo tutti i giorni parlare di tecnologie che sembrano voler togliere spazio ai lavoratori. Il nostro compito è che nessuno venga lasciato indietro dall’evoluzione del mercato del lavoro”, sottolinea Alessandro Benetton nel post in cui invita a riflettere sulla necessità, in un’epoca caratterizzata da rapidi cambiamenti tecnologici, di “offrire a tutti l’opportunità di rimanere parte attiva e accettata della società”.

L’inclusività, sostiene il Presidente di 21 Invest, non significa solo “essere aperti a diverse prospettive e identità” ma soprattutto “fornire a tutti le competenze per affrontare le sfide del futuro”.

Le persone non restano indietro se si sentono davvero parte del cambiamento

Per Alessandro Benetton l’inclusività delle competenze è quindi fondamentale per creare un futuro lavorativo sostenibile ed equo: “È compito nostro come aziende, investitori, educatori e singoli individui”. Una vision che si riflette anche nell’attività di 21 Invest: “Nelle nostre società partecipate, in un percorso di crescita di medio-lungo termine, parallelamente alla creazione di nuovi posti di lavoro è necessario anche inserire e sviluppare nuove competenze che possano supportare l’azienda nella nuova fase di crescita”.

Non è solo l’azienda stessa a beneficiarne ma anche tutti gli stakeholders con cui interagisce: “Migliorare le competenze di un’azienda aiuta tutta la sua filiera. Formare i lavoratori di un’organizzazione significa rinforzare l’anello di una catena che può beneficiare nel suo complesso. Sviluppare competenze interne aiuta anche all’esterno. È un approccio di natura circolare”.

Le persone non restano indietro se si sentono davvero parte del cambiamento, osserva infine Alessandro Benetton: “Credo che abbiamo la responsabilità sociale di costruire un ambiente in cui ogni persona possa sviluppare le competenze necessarie per prosperare. Solo così potremo tracciare il percorso per un futuro migliore, più prospero e all’avanguardia. Spero che siate ispirati a unirvi a questo viaggio”.