Banche, crolla il numero di sportelli in Italia: -30% in dieci anni

Da diversi anni si sta verificando un processo assai preoccupante, quello della desertificazione degli sportelli delle banche. Al di là delle caue più o meno fisiologiche di questo fenomeno, sono i numeri ad essere davvero eclatanti.

Come cambiano le banche

bancheIn base agli stessi dati forniti dalla federazione delle banche, la FABI, oltre 4 milioni di persone non ha una filiale fisica nelle vicinanze. Nessuno a cui chiedere un consiglio, nessuno a cui chiedere informazioni sui prodotti bancari, nessuno con il quale aprire un conto corrente o accendere un mutuo.

Le alternative per questa larga fetta della popolazione (circa il 7% del totale) sono due. La prima è sobbarcarsi un bel viaggio per raggiungere la filiale più vicina, la seconda è fare tutto online (ma nel 99% dei casi non è comunque tecnicamente possibile).

Ancora più eclatante è un altro dato shock: quasi il 40% dei comuni italiani (ben 3.062), non hanno più filiali di alcun istituto di credito.

Perché c’è stata la desertificazione

Questa desertificazione degli sportelli delle banche è un processo che parte da lontano. Infatti nel 2012 gli sportelli aperti erano 32.881, a fine 2021 si erano ridotti a 21.650, un calo di 11.231 unità (-34%). Il fenomeno si è allargato come un cuneo anno dopo anno.

L’esigenza di far scendere i costi e la graduale affermazione dei canali alternativi – in primo luogo Internet – hanno cambiato gli istituti di credito. Infatti, complice il passaggio di molti servizi su piattaforme digitali, le banche sono andate progressivamente riducendo la loro presenza territoriale.
Inoltre questa “cura dimagrante” andrà ancora avanti.

Differenze tra Nord, Centro e Sud

Va peraltro aggiunto che il calo del numero degli sportelli delle banche viaggia a velocità differenti. Gli indicatori di volume evidenziano infatti che al Nord solo il 6% della popolazione non ha una filiale nei paraggi, al Centro scendiamo al 3,2%.

Al Sud e nelle isole, il fenomeno schizza al 10,7% dei residenti. La Campania è la prima regione per numero di abitanti senza banca: sono quasi 700 mila. Quella che presenta una minore presenza, in termini percentuali, è la Calabria col 28,8%.

Tenuto conto che gli strumenti digitali non sono ancora accessibili davvero a tutti, ci sono alcune zone d’Italia che sono completamente scoperte dai servizi bancari.